Lavori da casa? 

Quando la cucina è vicina e il cibo è sempre a portata di mano, cadere in tentazione e mangiare più del necessario è molto frequente.

Segui questi consigli per mantenere la regolarità, anche in smart working!

LAVORO DA CASA ED ECCESSO DI CIBO: come prevenirlo

Per prevenire l’iperalimentazione da smart working, è sufficiente seguire questi piccoli consigli, che, senza che tu te ne accorga, possono fare una grande differenza!

1. Definisci degli orari per i pasti 

Sembrerà una banalità, ma quando si è in casa tutto il giorno si rischia di non rispettare le fasce orarie “convenzionali” per i pasti, con il rischio di mangiare ad orari assurdi e male. Imporsi dei “limiti di orologio” per il consumo dei pasti principali aiuterà ad ovviare a questo problema. 

2. Fai pasti equilibrati in proteine, carboidrati, frutta e verdura

Abbi cura che i tuoi pasti siano equilibrati in termini di macronutrienti. Non sai cosa significa? Chiedimi consigli.

3. Pianifica i pasti della settimana

Avere un menù settimanale può essere davvero utile per regolarizzare l’alimentazione e la gestione della spesa.

4. Lavora in una stanza diversa dalla cucina

La cucina è la stanza che il cervello associa al cibo: fare altre attività in cucina può “sviare” la nostra mente, portandoci a mangiare più spesso. Lavorando nella stessa stanza dove risiede il cibo, inoltre, aumenta di molto il rischio di usufruirne.

5. Mettiti a tavola per consumare i pasti e evita le distrazioni

Quando è ora di mangiare, anche se sei da solo, apparecchia e mettiti a tavola. Non mangiare sul divano, mentre guardi la tv o, peggio, mentre lavori. Non ti concentrerai su quello che stai mangiando e alla fine potrebbe sembrarti di non aver nemmeno consumato il pasto.

6. Includi cibi che ti piacciono nella tua giornata

Nella scelta delle preparazioni, cerca sempre di includere piatti o cibi che ti piacciono e ti soddisfano: mangiando qualcosa di buono e piacevole per il tuo palato, ci saranno meno probabilità che ti venga voglia di aprire la dispensa in cerca di un qualcosa di dolce/salato che ti tolga quella voglia di “non so che”.


7. Fai attività fisica
Per quanto possibile, anche se sei in casa tutto il giorno, cerca di muoverti, in qualsiasi modo. Se non riesci o non hai un programma di allenamento da fare da solo, cerca su YouTube o su altri social: troverai tantissime idee e lezioni coinvolgenti che ti daranno quella spinta in più.

8. Se hai voglia di mangiare, chiediti se sei davvero affamato

Quando stiamo in casa tutto il giorno, con un dispendio energetico basso, ammettiamolo: spesso si mangia per noia, perchè non si sa cosa fare o semplicemente per “scandire” il tempo ( ad esempio facendo merenda). Quando stai prendendo qualcosa per mangiare al di fuori dei pasti, fermati un attimo a pensare e chiediti: “Ho davvero fame o lo sto facendo per noia?”. Se ti accorgi che quell’energia che stai per introdurre in realtà non ti serve, allora chiudi lo sportello e dedicati a un’attività differente.
9. Cerca di dormire 7-9 ore a notte

Un buon sonno è fondamentale per la mente ed il corpo: dormire poco e male può avere effetti negativi sul metabolismo; può inoltre favorire gli “spiluccamenti” e la “fame nervosa” durante il giorno, a causa della mancanza di riposo.  

Immagine Riassuntiva

Dott.ssa Dietista Giulia Corradini

NB. Se stai consultando il sito dal tuo smartphone, nella HOME PAGE clicca sull’icona in alto a destra e sui tre puntini per scoprire tutte le sezioni del sito e i servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *