Ebbene sì, oggi è la sua giornata!

Il 2 maggio è la Giornata Mondiale del Tonno, designata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per aumentare la consapevolezza del valore del tonno per la nutrizione, lo sviluppo, l’occupazione, la cultura e lo svago, e riconoscere l’importanza della gestione sostenibile della pesca di questo pesce.

Nella cucina italiana e non, il tonno è un alimento molto utilizzato: il tonno in scatola, in particolare, è già cotto, si presta a ricette veloci e sfiziose, è gustoso e versatile, mette d’accordo adulti e bambini. Senza contare il suo ruolo come ingrediente del sempre più amato sushi. Per la maggior parte degli italiani sportivi, inoltre, il tonno rientra nella classifica “Top 5” degli alimenti a cui non saprebbero rinunciare (insieme a carni bianche, legumi, yogurt e bresaola).

Ma quali sono le proprietà di questo pesce? 

E cosa sappiamo del tonno in scatola?

E’ sicuro consumarlo?

Continua a leggere!

TONNO: TIPI E COMPOSIZIONE

Il genere Thunnus South fa parte della famiglia Scombridae, che comprende 8 specie di grandi pesci pelagici predatori, denominati comunemente tonni.

Le varietà del tonno possono presentare differenze nutrizionali tra di loro: in linea di massima, il tonno rosso ha un contenuto maggiore di grassi e risulta quindi più calorico

Il tonno è un’eccellente fonte di:
💙Vitamina B6 e B3
💙Vitamina B12;
💙Fosforo;
💙Vitamina D;
💙Ferro;
💙Selenio.
E’ inoltre ricco di Omega 3, acidi grassi polinsaturi ottimi per la salute del cuore e delle arterie. 

CURIOSITA’

Il tonno rosso può raggiungere fino ai 3 metri di lunghezza, può arrivare a pesare più di 500 kg e può vivere fino a 20 anni!

TONNO E… MERCURIO

E’ vero che il tonno è un pesce ad alto contenuto di mercurio?

SI: essendo uno dei maggiori predatori, insieme a pesce spada e verdesca, è uno dei pesci con i più alti livelli di mercurio.  

IL MERCURIO è un metallo pesante, tossico per l’organismo. Il mercurio presente negli alimenti viene assorbito ed accumulato nei tessuti del nostro organismo e può nel tempo causare danni alla salute.

Donne in gravidanza e bambini sono i gruppi di persone che dovrebbero fare più attenzione ad ingerire meno mercurio possibile.

TONNO IN SCATOLA… QUANTO NE SAPPIAMO?

Il tonno in scatola viene consumato molto di più rispetto all’alimento fresco. Le varietà di tonno più utilizzate per l’inscatolamento sono il Tonnetto striato e il tonno Pinne gialle; il tonno conservato è proveniente quindi dagli Oceani Pacifico, Atlantico e Indiano e non dal Mar Mediterraneo.

Per quanto riguarda la composizione, per il tonno in scatola ci possono essere delle differenze in base alla marca produttrice.

Recentemente, Altroconsumo ha esaminato in laboratorio 24 marche di tonno in scatola, comprendendo sia le marche più conosciute che quelle delle catene dei supermercati, effettuando un test volto a verificare:

🐟Le informazioni in etichetta;

🐟La freschezza;

🐟I difetti;

🐟Il peso sgocciolato;

🐟La quantità di acqua;

🐟La presenza di mercurio;

🐟La quantità di sale.  

Complessivamente queste analisi hanno dato buoni risultati: nessun prodotto è stato bocciato, non è stata trovata alcuna traccia di frodi e 17 scatolette su 24 hanno ottenuto un giudizio globale buono ottimo.

IN CONCLUSIONE…TONNO SI O NO?

Il tonno è un alimento molto nutriente, ricco di grassi buoni: essendo pesce, rientra a pieno tra gli alimenti chiave della dieta mediterranea

Le linee guida consigliano un consumo di pesce di almeno 2-3 volte a settimana

Essendo però tra i pesci più ricchi di mercurio, si consiglia comunque di non eccedere nel consumo, variando con altre specie ittiche. 

Come qualsiasi alimento, fresco è meglio che conservato: anche se i dati sopracitati hanno dimostrato la sicurezza del prodotto in scatola, si tratta sempre di un alimento inscatolato, molto salato e nella versione più comune aggiunto di olio per la conservazione. 

E’ bene quindi limitare a massimo 1 volta a settimana il consumo di tonno in scatola, ricordandosi sempre di sgocciolarne l’olio prima del consumo.

Dott.ssa Dietista Giulia Corradini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *